Mondiallogo2

Autoscuola Agenzia Mondial snc di Calcina Massimo & c. Agenzia Pratiche Automobilistiche  
Via Fiorentina, 217 - 52100 - Arezzo

E-mail: info@autoscuolamondial.com

Tel.Fax 0575300979

Massimo 3381009002

Michele 3317832254

Iscriviti alla Newsletter


whatsapp
img1235492439

whatsapp

© 2021 AUTOSCUOLA MONDIAL

CORSI

La nostra struttura effettua i seguenti corsi:
 

- Corsi conseguimento patenti A, B, C, D, E
- Corsi conseguimento patenti B Speciali (diversamente abili)
- Corsi conseguimento Certificati Abilitazione Professionale
- Corsi revisione patente di tutte le categorie
- Corsi conseguimento Certificato Idoneità Guida Ciclomotori
- Corsi recupero punti patente
- Guide di perfezionamento per titolari di patente
- Corso di guida sicura per i neopatentati

 

Tutti gli esami  pratici di guida si svolgono presso la nostra sede e con veicoli di nostra proprietà. gli esami teorici , per legge, devono necessariamente svolgersi presso la sede del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. 

image-826
image-471
image-445
Giorni
Orari
Tipo di Corso
Lunedì - Mercoledì - Venerdì
17.30 - 18.30
Patente A/B
Lunedì - Giovedì
18.00 - 19.00
Patente C/D/E
Martedì - Giovedì
18.00 - 19.00
Patente A/B

POSSIBILITA' ORARI PERSONALIZZATI SECONDO LE ESIGENZE

Nozioni di Guida

Quando si parla di sicurezza stradale si fa riferimento alla tecnologia e all'affidabilità della vettura, tuttavia una corretta impostazione di guida e un comportamento prudente sono ancora fattori decisivi per la sicurezza nostra e degli altri.

POSIZIONE DI GUIDA
Una corretta posizione di guida deve essere possibilmente comoda ma, in primo luogo, deve consentirci un'azione precisa sui comandi ( volante, pedaliera e cambio), nonché garantirci una buona visibilità e libertà di movimento.
A tal proposito, ogni qualvolta prendiamo posto al volante di un autoveicolo, dovremo provvedere, se non lo abbiamo già fatto, ad alcune regolazioni.

Sedile
E' opportuno che regoliamo prima di tutto la distanza dalla pedaliera e poi l'inclinazione dello schienale.

Distanza dalla pedaliera
Con il piede sinistro premiamo a fondo il pedale della frizione, quindi:
· Regoliamo in altezza il sedile ( quando previsto )
· Allontaniamo o avviciniamo il sedile, distendendo la gamba e tenendo il tallone del piede appoggiato al pavimento, fino a che la coscia tocchi ma non prema sul bordo del sedile ( la gamba risulterà leggermente piegata )
· Verifichiamo il bloccaggio del sedile:

Regolazione altezza

Regolazione distanza

Regolazione schienale


Inclinazione dello schienale
Regoliamo in posizione sufficientemente verticale, in modo da riuscire a mettere le man sulla sommità del volante ( il palmo della mano deve essere ben aderente alla corona ), mantenendo la schiena e le spalle completamente appoggiate allo schienale stesso.

Le braccia troppo distese non permettono un adeguato controllo del volante

Le braccia troppo piegate limitano e intralciano durante le manovre di sterzata.

Durante la guida normale (in rettilineo) le braccia devono rimanere leggermente piegate.


Poggiatesta                                                                  
Va regolato rispettando due condizioni:

Il bordo più alto del poggiatesta deve trovarsi almeno allineato alla sommità della testa.

La distanza tra il poggiatesta e la testa deve essere la minore possibile

Cosa si verifica in caso di tanponamento se il poggiatesta non è regolato correttamente?
1. Il corpo viene spinto in avanti mentre la testa è ancora ferma (la colonna cervicale subisce un'innaturale curvatura)
2. la testa si reclina bruscamente all'indietro e i muscoli del collo si contraggono ( ipertensione )
3. durante la fase di decelerazione la testa rimbalza in avanti comprimendo le strutture del collo ( iperflessione ).

Questo di tipo di trauma viene identificato con il termine "colpo di frusta" e può causare lesioni (anche permanenti) ai componenti della colonna cervicale come vertebre, legamenti, nervi e muscoli.


Specchietti retrovisori
Dobbiamo orientarli in modo da avere la massima visibilità posteriore senza muovere il busto:

Specchietto interno: regoliamoli in modo da vedere la parte alta del vetro posteriore ( lunotto ).

Specchietti esterni: regoliamoli in modo che la fiancata della vettura sia appena in vista.


Da notare che anche se ben regolati, i due retrovisori esterni non coprono completamente il

campo visivo posteriore della vettura. Solo lo specchietto interno permette di colmare questa lacuna.


Cinture di sicurezza

Per allacciarle correttamente, impugnamo la linguetta di aggancio e inseriamola nella fibbia fino a sentire lo scatto d'innesto.
Assicuriamoci quindi che non siano attorciliate ( in caso di incidente possono provocare lesioni ) e che aderiscano in modo uniforme al nostro corpo ( niente vestiti ingombranti ).
Se necessario tendiamole bene di nuovo.

 

Assicuriamoci che la cintura subaddominale, all'altezza del bacino, passi il più in basso possibile. Non deve mai essere posta sull'addome o sul ventre perché non trattiene adeguamente ( in caso d'urto il corpo può scivolare sotto la cintura ). Quella diagonale invece deve passare a metà della spalla e, a tal fine, possiamo agire sul regolatore di altezza posizionandolo al livello delle spalle.

Prima di partire accertiamoci che tutti i passeggeri abbiano allacciato le cinture.

E' bene tenere presente che siamo responsabile di tutti i nostri passeggeri. Vale inoltre la pena di ricordare che in caso di collisione, una persona sbalzata in avanti, oltre a ferirsi, può anche procurare seri danni agli occupanti dei posti anteriori.

 

Uso dello sterzo
Per ruotare correttamente il volante, bisogna innanzitutto evitare di stringerlo troppo forte, quindi dobbiamo agire dall'esterno della corona ( dall'interno possiamo urtare le razze ).

Visuale: lo sguardo non va rivolto verso un punto fisso ( magari a pochi metri dall'auto ) ma ben più avanti nella direzione in cui vogliamo andare.

Marcia normale ( rettilineo )
Le mani vanno tenute su ciascun lato della corona del volante, come le lancette di un orologio alle ore 9.15 o 10.10 .
Questa posizione ci permette di accedere facilmente ai vari comandi ( es. frecce, tergicristallo, clacson ) senza abbandonare il volante.

Curve a medio e grande raggio
Non è necessario spostare le mani ma è sufficiente ruotare il volante mantenendo la presa iniziale.
Durante la fase di riallineamento non lasciamo andare il volante ma riaccompagnamolo gradualmente nella posizione di partenza.


Curve a piccolo raggio ( tornante )
Nel percorrere una curva molto stretta, le mani devono agire alternatamente sul volante in modo da rendere continua e non a scatti la sua rotazione.

USO DI ALCUNI COMANDI
Una volta che abbiamo effettuato tutte le regolazioni necessarie per adattare il posto di guida alla nostra corporatura, prendiamo confidenza con alcuni comandi della vettura.

 

Chiave di accensione

La chiave di accensione può ruotare nelle seguenti posizioni:
0 = sterzo bloccato, la chiave può essere tolta e quasi tutti i circuiti elettrici sono disattivati.
1 = sterzo bloccato, tutti i circuiti elettrici sono attivati. Se nella commutazione da 0 a 1 la chiave risultasse bloccata ( bloccasterzo inserito ), muoviamo leggermente il volante nei due sensi mentre ruotiamo la chiave
2 = avviamento motore, il motorino di avviamento entra in funzione

 

Avviamento del motore
Per l'avviamento del motore procediamo nel modo seguente:
- accertiamoci che la leva del cambio sia in folle
- premiamo a fondo il pedale della frizione per:
- facilitare il compito del motorino di avviamento
- impedire che il veicolo avanzi involontariamente se il cambio non è posizionato in folle

- giriamo la chiave, per mettere in funzione il motorino di avviamento e rilasciamola subito dopo che il motore si è avviato

Riassumendo per avviare il motore…

Cambio in folle

Frizione a fondo

Girare la chiave


Freno a mano
La leva del freno a mano è normalmente posta tra i due sedili anteriori

Per azionare il freno a mano:
- tirare la leva in modo energico
(senza premere il pulsante), fino a garantire un bloccaggio sicuro della vettura.

Per disinserire il freno a mano:
- sollevare leggermente la leva
- premere con il pollice sul pulsante
- abbassare completamente la leva mantenendo premuto il pulsante.

 

Pedaliera
Per garantire la stabilità di tutto il corpo sul sedile, specialmente in caso di frenata, in curva o durante le manovre di emergenza, è fondamentale che i piedi abbiano un adeguato appoggio.

Piede sinistro ( frizione )
Va tenuto sul pedale della frizione per il tempo necessario al cambio di marcia o alla partenza del veicolo, dopodichè deve ritornare sul passaruota. Evitiamo di tenere il piede sospeso nel vuoto ( non abbiamo alcun appoggio ) oppure sul pedale ( possiamo causare un'usura precoce della frizione )

Piede destro ( acceleratore - freno )
Quando comanda il pedale dell'acceleratore può essere tenuto con il fianco leggermente appoggiato al tunnel centrale del veicolo, in tal modo le vibrazioni e le sollecitazioni non si ripercuoteranno sull'acceleretatore.


Cambio di velocità

La leva del cambio va azionata senza forzare e possibilmente con il palmo della mano leggermente aperto.
Di solito le autovetture sono dotate di cambio sincronizzato a 5 rapporti con uno schema di innesto simile a quella della figura a fianco.

Inserimento della prima marcia:
- posizioniamo la leva del cambio in folle ( normalmente tra la terza e la quarta marcia )
- premiamo a fondo il pedale della frizione
- spostiamo la leva tutto a sinistra quindi, senza forzare, muoviamola in avanti fino a inserimento completato. Se non riusciamo a inserire la marcia al primo tentativo, solleviamo e riabbassiamo la frizione, quindi riproviamo.

 

ALCUNE PRECAUZIONI
Vediamo alcuni semplici comportamenti che è bene ricordare per non creare situazioni di intralcio o pericolo.

 

Retromarcia

 

SOSTA

Per effettuare la retromarcia voltiamoci indietro in modo da avere un migliore campo di visibilità.

Quando lasciamo in sosta il veicolo:
- azioniamo il freno di stazionamento
- inseriamo il rapporto più basso del cambio
- se sostiamo in pendenza, sterziamo le ruote dalla parte del marciapiede

 

Salire e scendere
Prima di aprire la portiera attenzione al traffico proveniente da dietro


Partenza dal margine destro                                     
Prima di partire:

- allacciamo le cinture di sicurezza
- disinseriamo il freno di stazionamento
- assicuriamoci che la strada sia libera guardando gli specchietti retrovisori e, per maggiore sicurezza, voltandoci anche indietro.

 

Quando si parla di sicurezza stradale si fa riferimento alla tecnologia e all'affidabilità della vettura, tuttavia una corretta impostazione di guida e un comportamento prudente sono ancora fattori decisivi per la sicurezza nostra e degli altri.

 

POSIZIONE DI GUIDA
Una corretta posizione di guida deve essere possibilmente comoda ma, in primo luogo, deve consentirci un'azione precisa sui comandi ( volante, pedaliera e cambio), nonché garantirci una buona visibilità e libertà di movimento.
A tal proposito, ogni qualvolta prendiamo posto al volante di un autoveicolo, dovremo provvedere, se non lo abbiamo già fatto, ad alcune regolazioni.

Sedile
E' opportuno che regoliamo prima di tutto la distanza dalla pedaliera e poi l'inclinazione dello schienale.

Distanza dalla pedaliera
Con il piede sinistro premiamo a fondo il pedale della frizione, quindi:
· Regoliamo in altezza il sedile ( quando previsto )
· Allontaniamo o avviciniamo il sedile, distendendo la gamba e tenendo il tallone del piede appoggiato al pavimento, fino a che la coscia tocchi ma non prema sul bordo del sedile ( la gamba risulterà leggermente piegata )
· Verifichiamo il bloccaggio del sedile:

Regolazione altezza

Regolazione distanza

Regolazione schienale


Inclinazione dello schienale
Regoliamo in posizione sufficientemente verticale, in modo da riuscire a mettere le man sulla sommità del volante ( il palmo della mano deve essere ben aderente alla corona ), mantenendo la schiena e le spalle completamente appoggiate allo schienale stesso.

Le braccia troppo distese non permettono un adeguato controllo del volante

Le braccia troppo piegate limitano e intralciano durante le manovre di sterzata.

Durante la guida normale (in rettilineo) le braccia devono rimanere leggermente piegate.


Poggiatesta                                                                  
Va regolato rispettando due condizioni:

Il bordo più alto del poggiatesta deve trovarsi almeno allineato alla sommità della testa.

La distanza tra il poggiatesta e la testa deve essere la minore possibile

Cosa si verifica in caso di tanponamento se il poggiatesta non è regolato correttamente?
1. Il corpo viene spinto in avanti mentre la testa è ancora ferma (la colonna cervicale subisce un'innaturale curvatura)
2. la testa si reclina bruscamente all'indietro e i muscoli del collo si contraggono ( ipertensione )
3. durante la fase di decelerazione la testa rimbalza in avanti comprimendo le strutture del collo ( iperflessione ).

Questo di tipo di trauma viene identificato con il termine "colpo di frusta" e può causare lesioni (anche permanenti) ai componenti della colonna cervicale come vertebre, legamenti, nervi e muscoli.


Specchietti retrovisori
Dobbiamo orientarli in modo da avere la massima visibilità posteriore senza muovere il busto:

Specchietto interno: regoliamoli in modo da vedere la parte alta del vetro posteriore ( lunotto ).

Specchietti esterni: regoliamoli in modo che la fiancata della vettura sia appena in vista.


Da notare che anche se ben regolati, i due retrovisori esterni non coprono completamente il

campo visivo posteriore della vettura. Solo lo specchietto interno permette di colmare questa lacuna.


Cinture di sicurezza

Per allacciarle correttamente, impugnamo la linguetta di aggancio e inseriamola nella fibbia fino a sentire lo scatto d'innesto.
Assicuriamoci quindi che non siano attorciliate ( in caso di incidente possono provocare lesioni ) e che aderiscano in modo uniforme al nostro corpo ( niente vestiti ingombranti ).
Se necessario tendiamole bene di nuovo.

 

Assicuriamoci che la cintura subaddominale, all'altezza del bacino, passi il più in basso possibile. Non deve mai essere posta sull'addome o sul ventre perché non trattiene adeguamente ( in caso d'urto il corpo può scivolare sotto la cintura ). Quella diagonale invece deve passare a metà della spalla e, a tal fine, possiamo agire sul regolatore di altezza posizionandolo al livello delle spalle.

Prima di partire accertiamoci che tutti i passeggeri abbiano allacciato le cinture.

E' bene tenere presente che siamo responsabile di tutti i nostri passeggeri. Vale inoltre la pena di ricordare che in caso di collisione, una persona sbalzata in avanti, oltre a ferirsi, può anche procurare seri danni agli occupanti dei posti anteriori.

 

Uso dello sterzo
Per ruotare correttamente il volante, bisogna innanzitutto evitare di stringerlo troppo forte, quindi dobbiamo agire dall'esterno della corona ( dall'interno possiamo urtare le razze ).

Visuale: lo sguardo non va rivolto verso un punto fisso ( magari a pochi metri dall'auto ) ma ben più avanti nella direzione in cui vogliamo andare.

Marcia normale ( rettilineo )
Le mani vanno tenute su ciascun lato della corona del volante, come le lancette di un orologio alle ore 9.15 o 10.10 .
Questa posizione ci permette di accedere facilmente ai vari comandi ( es. frecce, tergicristallo, clacson ) senza abbandonare il volante.

Curve a medio e grande raggio
Non è necessario spostare le mani ma è sufficiente ruotare il volante mantenendo la presa iniziale.
Durante la fase di riallineamento non lasciamo andare il volante ma riaccompagnamolo gradualmente nella posizione di partenza.


Curve a piccolo raggio ( tornante )
Nel percorrere una curva molto stretta, le mani devono agire alternatamente sul volante in modo da rendere continua e non a scatti la sua rotazione.

image-445img_1235492166img_1240472728img_1235492361img_1235492439img_1240472629img_1235492317img_1253947971img_1240472847img_1240472789img_1241001565img_1240473200img_1241001426img_1261560645
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder